Home 
Le Razze 
Lo Shamo 
Foto 
I miei Titoli 
Contatti 

 

  
Le RazzeLo ShamoFotoI miei TitoliContatti

 

Le razze da combattimento secondo Esther Verhoef

La categoria dei polli da combattimento spicca per la varietà cromatica, per le differenze di forma e portamento, che a volte viene definito "stazione". Tuttavia una cosa condividono: originariamente  questi esemplari erano selezionati per la loro combattività e per il desiderio di ingaggiare prolungate lotte tra di loro.

Tale inclinazione  risale a tempi remoti: l'uomo cova dalla preistoria l'impulso di veder scagliarsi l’uno contro l'altro gli animali, forse per mancanza di divertimenti.

Nei paesi occidentali, il combattimento  tra polli viene ritenuto crudele, e pertanto tali azioni sono perlopiù proibite per legge.

In Gran Bretagna, dove la lotta tra animali è stata a lungo popolare, il divieto risale al 1849.

Tuttavia in molti paesi asiatici è ancora accettato  come passatempo  legittimo, facendo parte dello stile di vita, a volte perfino di un'antica cultura.

Tanto per essere chiari, numerose razze di polli che ammiriamo nelle fiere europee hanno un'origine asiatica.

Ogni nazione e addirittura ogni regione hanno il loro stile di combattimento preferito. A decidere il risultato non è sempre la morte di uno dei galli impegnati (combattimento letale): molte razze vengono gettate nell'agone finché non emerge un chiaro vincitore, dopodiché i contendenti vengono separati.

I vari tipi di combattimento hanno prodotto una gran varietà di razze come ad esempio lo Shamo. I criteri principali di selezione sono la forza, lo stile di combattimento e la determinazione a lottare e stare al gioco.

Prima che entrino nel recinto di combattimento, gli animali devono essere adulti, o avere almeno un anno e mezzo. Naturalmente in precedenza sono accuditi e ben addestrati, così che quando arriva il momento di combattere saranno in ottime condizioni fisiche.

Le caratteristiche principali dei polli di queste razze sono: una stazione fiera e spesso eretta, i muscoli duri e molto sviluppati, le spalle ampie e alte, con ali dai muscoli gagliardi, il piumaggio serrato, moderatamente sviluppato. Quest'ultimo tratto rappresenta un gran vantaggio durante il combattimento perchè offre meno appigli all'avversario. La durezza delle piume è evidente nella maggior parte delle razze e si manifesta in uno sterno implume. Anche le penne ornamentali di collo e sella sono più corte rispetto al  pollo di campagna, di solito solo una parte del collo è coperta da piume.

Inoltre è importante che siano ben protette le zone vulnerabili. Ciò appare soprattutto dalle sviluppatissime pieghe cutanee della testa, così che gli occhi, sotto le sopracciglia, risultano ottimamente difesi. Abitualmente la cresta è molto piccola e posta molto in avanti.

Anche i bargigli sono ridotti, sempre per offrire meno presa all'avversario.

Il becco, che nella lotta è un’arma assai importante, è corto e possente.

Il carattere è una qualità preminente, mentre colori e motivi delle piume sono d’importanza secondaria.

Agli appassionati piace  soprattutto l'atteggiamento feroce e spesso  scaltro, persino provocatorio, di questa categoria di polli. Se pensate di allevare  una razza da combattimento, non dovrete mai scordarlo: sia i galli che le galline hanno uno spirito combattivo, che mostrano soprattutto quando si tratta di far rispettare l'ordine sociale (di beccata), in compenso vi è il vantaggio che la maggioranza di queste razze sono estremamente addomesticabili e fiduciose nei confronti di chi le accudisce.

 

 

          

[Home][Le Razze][Lo Shamo][Foto][I miei Titoli][Contatti]

Copyright(c) 2002-2003 Nome società. Tutti i diritti riservati.  Realizzato da Paolo Fortunio